fbpx
Sterlinaoro.it
Sterlinaoro.it

Come andrà l’oro nel 2023? Previsioni tra alti e bassi

come andrà l'oro nel 2023?

Come andrà l’oro nel 2023? Il futuro dell’oro tra due possibili scenari.

Le banche centrali di Stati Uniti ed Europa si stanno avvicinando alla fine dei loro cicli di inasprimento. Per ora, il consenso del mercato indica una lieve contrazione negli Stati Uniti alla fine del 2023 e una lenta crescita nei mercati più sviluppati. Ma dato lo scarto storico tra la politica monetaria e la performance economica, gli investitori temono che un momento difficile possa ancora arrivare.

In questo contesto e dopo i rendimenti positivi dell’oro nel primo semestre, le previsioni sull’oro vedono il metallo giallo che remane supportato dai rendimenti obbligazionari in fascia e da un dollaro più debole. Nel prossimo futuro si dovrebbe sperimentare una domanda di investimento più forte se le condizioni economiche si deteriorano. Al contrario, l’avvio di un periodo positivo o una politica monetaria molto più restrittiva potrebbero portare a disinvestimenti da parte degli investitori in oro.

L’oro ai livelli più alti.

Nella prima metà dell’anno, l’oro è aumentato del 5,4% in dollari, chiudendo a giugno a 1.912,25 dollari/oncia. L’oro ha sovraperformato tutte le altre principali attività a parte le azioni dei mercati più sviluppati.

L’oro non solo ha contribuito a rendimenti positivi per i portafogli degli investitori, ma ha anche contribuito a smorzare la volatilità durante tutto il primo semestre del 2023. In particolare durante la crisi delle banche USA ed Europee di marzo.

Alla base della buona performance dell’oro c’è stata una combinazione di fattori:     

1 – dollaro USA e tassi d’interesse relativamente stabili;    

2 – copertura del rischio di eventi;    

3 – continua domanda delle banche centrali.

Non è semplice rispondere alla domanda, come andrà l’oro nel 2023?
C’è un potenziale rialzo per il futuro dell’oro nel 2023, ma i rischi permangono.

Verso la fine dell’aumento dei tassi da parte delle Banche centrali.

Sia la Banca centrale europea (BCE) che la Banca d’Inghilterra (BoE) hanno aumentato i tassi di interesse a giugno. La Federal Reserve statunitense ha mantenuto invariato il suo tasso obiettivo in quanto lascia che gli effetti del ciclo di inasprimento si facciano strada nell’economia reale.

Gli operatori del mercato obbligazionario statunitense si aspettano un ulteriore rialzo da parte della Fed quest’anno. Molto probabilmente questo ulteriore aumento avverra a luglio, seguito da un prolungato periodo di “sospensione”.

Al contrario ci si aspetta che la BCE e la BoE aumentino ulteriormente i tassi obiettivo, i mercati prevedono che la fine del ciclo sia vicina, o almeno potrebbe esserlo entro la fine dell’anno.

Con la probabile transizione della politica monetaria dall’inasprimento alla sospensione, il consenso del mercato prevede una lieve contrazione negli Stati Uniti entro quest’anno e una crescita lenta ma costante nelle altre economie avanzate.

Se questo scenario dovesse realizzarsi, la nostra valutazione su come andrà l’oro nel 2023 è che in futuro rimarrà supportato durante il 2023, soprattutto alla luce della sua solida performance nel primo semestre. Tuttavia, potrebbe non superare in modo significativo le prestazioni che abbiamo visto finora quest’anno.

La lenta crescita economica in Occidente potrebbe avere un effetto negativo sulla spesa dei consumatori. E’ possibile che le altre economie mondiali, come quella indiana e cinese, reggeranno meglio e risponderanno al potenziale stimolo economico più avanti nel corso dell’anno fornendo un certo sostegno alla domanda locale di oro.

Inoltre, nonostante i segnali di raffreddamento dell’inflazione, è probabile che la combinazione di volatilità del mercato azionario e “rischio di eventi” (come crisi geopolitiche o finanziarie) mantenga in essere strategie di copertura, compresi gli investimenti in oro.

L’oro ha avuto un rendimento medio positivo nei periodi in cui la Fed è in attesa

Da considerare anche che, sulla base delle aspettative di consenso del mercato, i tassi di interesse leggermente inferiori e un indebolimento del dollaro USA aiuterebbero l’oro riducendo il suo costo opportunità per gli investitori. Questo è coerente con le precedenti sospensioni, che sono durate tra i sei mesi e un anno. Durante questi periodi l’oro ha avuto un rendimento mensile medio in dollari dello 0,7%, equivalente a un rendimento annuo dell’8,4% e superiore alla sua media a lungo termine.

Come abbiamo già evidenziato nei nostri precedenti articoli, l’oro è generalmente influenzato dai rendimenti obbligazionari piuttosto che dai tassi ufficiali effettivi, poiché i primi includono le aspettative del mercato sulle future decisioni politiche e la probabilità di una successiva recessione.

L’oro sovraperforma le azioni nei periodi in cui il PMI diminuisce

Con una politica monetaria così restrittiva, molti investitori guardano anche agli indici dei gestori degli acquisti (PMI) dell’Institute for Supply Management (ISM) come segnali di futura debolezza. In effetti, i PMI dei mercati sviluppati (sia manifatturiero che dei servizi) si sono deteriorati negli ultimi mesi.

Una recente analisi del WGC mostra che l’oro tende a sovraperformare le azioni quando il PMI manifatturiero è inferiore a 50 e scende.

Se il PMI scende al di sotto di 45, le passate esperienze suggeriscono che la performance dell’oro in futuro potrebbe essere ancora più pronunciata.

Mentre l’oro ha sottoperformato rispetto alle azioni se il PMI manifatturiero è inferiore a 50 ma in aumento, ha comunque prodotto rendimenti positivi, mostrando i benefici asimmetrici che tende a portare ai portafogli.

L’oro ha storicamente ottenuto buoni risultati durante i periodi di recessione.

Per capire come andrà l’oro nel 2023 è necessario fare alcune considerazioni. Se il rischio di recessione aumentasse, gli investimenti in oro potrebbero vedere un maggiore rialzo. Un deterioramento economico potrebbe essere determinato da un aumento significativo delle insolvenze. Questo a seguito di condizioni di credito più restrittive o altre conseguenze indesiderate nel contesto di tassi elevati. Storicamente, tali periodi hanno portato a una maggiore volatilità. Sono significativi cali del mercato azionario e un appetito generale per attività liquide di alta qualità come l’oro.

D’altra parte, le aspettative di una ripresa dell’economia che permetta di evitare una recessione, con una politica monetaria che rimane restrittiva, potrebbero creare venti contrari per l’oro e portare ad una fase di disinvestimenti. Ad esempio, gli ETF sull’oro hanno registrato notevoli deflussi a giugno e le riserve auree sono diminuite da inizio anno. 

Occorre notare, tuttavia, che data la performance positiva dell’oro nel primo semestre, la liquidazione di un investitore dovrebbe essere severa per far scendere il prezzo medio dell’oro nel 2023 al di sotto di 1.800 USD/oncia, la media del 2022.

L’oro può aiutare a migliorare le strategie difensive

Quando gli investitori valutano l’impatto di una politica monetaria restrittiva e la possibilità di una recessione, spesso scelgono strategie difensive nelle allocazioni dei loro asset.   

Ad esempio, un approccio comune consiste nel ruotare parte dell’esposizione azionaria in settori difensivi per limitare le perdite durante un calo significativo del mercato.

Per illustrare questo ci rifacciamo agli esempi riportati dal WGC nella sua analisi e confrontiamo due ipotetiche strategie difensive. Una in cui il 20% dell’allocazione azionaria è investita in settori difensivi e una in cui il 10% è investito in oro.

L’analisi del WGC mostra che, negli ultimi 25 anni, le strategie difensive che hanno incluso l’oro hanno migliorato i rendimenti, riducendo la volatilità e il Prelievo.

Conclusioni su come andrà l’oro nel 2023.

Se dovesse concretizzarsi la lieve contrazione prevista negli Stati Uniti, sarebbe probabile che la tendenza positiva del primo semestre per l’oro lasci in futuro il posto a un secondo semestre più neutrale.   

In questo scenario, l’oro trarrebbe sostegno da un dollaro USA più debole e da rendimenti obbligazionari stabili. Anche se questo andrebbe in contrasto con la pressione al ribasso dovuta al raffreddamento dell’inflazione. Se la storia è una guida, i cicli di sospensione della politica monetaria tendono a significare un rendimento mensile dell’oro superiore alla media.

Un ambiente più positivo per un migliore apprezzamento dell’oro risulterebbe da una recessione economica più pronunciata, grazie a un aumento della volatilità e della propensione al rischio.

Al contrario, il futuro dell’oro vede il prezioso metallo trovarsi ad affrontare delle sfide significative se la stretta sui tassi continua più a lungo del previsto. Allo stesso modo, se un miglioramento delle economie fosse tecnicamente “progettato”, favorirebbe attività rischiose e un dollaro USA più forte, con probabile conseguente disinvestimento dell’oro.

Tuttavia, sussistono al momento grandi incertezze intrinseche nel prevedere un risultato macroeconomico globale. Riteniamo che la performance positiva dell’oro possa restare in futuro una componente preziosa per le allocazioni conservative degli investitori.  

Sterlinaoro.it Recensioni
Lingotti d'oro Argor Heraeus - Bullion999

Articoli recenti

Quotazione Oro prezzo di borsa

Aggiornata al 20 maggio 2024 ore alle ore 22:50

71.78 €/g

Vendi e Acquista

Investi in Sterline Oro,
Monete e Lingotti d'Oro

Link utili:

The Royal Mint

The London Bullion Market Association

World Gold Council

Disciplina del mercato dell’oro