Sfiducia, referendum e oro fisico

a cura di Confinvest F.L.

Sfiducia, referendum e oro fisico

SFIDUCIA

In questo inizio ottobre 2016 stiamo assistendo all'ennesimo scricchiolio di una banca. Non si tratta delle nostre piccole realtà regionali/provinciali come sono state Banca Etruria, Veneto Banca, Banca delle Marche, per citarne solo alcune, ma si tratta della più grande banca d'investimento europea: la Deutsche Bank!

Le tensioni su questa banca sono ritornate repentinamente alla ribalta quando la scorsa settimana, come bene riportato dalla cronaca, alcuni hedge fund con in gestione miliardi di dollari hanno deciso di non utilizzare più i servizi della banca tedesca per effettuare le loro operazioni: questi investitori hanno deciso di trasferire la loro liquidità dai conti di Deutsche Bank ad altre banche ritenute più affidabili. È il primo vero segno di perdita di fiducia verso la più grande banca tedesca.

Inutile stare qui ad illustrare i sofisticati meccanismi di calcolo di solvibilità di una banca che la normativa richiede. A noi preme far capire ai nostri clienti/investitori che il concetto principe e cardine non risiede in complessi modelli di calcoli del rischio, risiede nel concetto di fiducia.

Quando una banca perde la fiducia dei suoi clienti è destinata al default.

Capirete bene come le prossime ore e giorni saranno cruciali per capire quanto bravi saranno i politici ed i banchieri ad evitare un avvitamento della situazione e quindi evitare un crollo della fiducia verso Deutsche Bank.

Sicuramente tenteranno di elaborare tutti gli esempi numerici per portare gli investitori e, soprattutto, i depositanti (coloro che hanno i conti correnti nella banca tedesca) a non perdere la fiducia in questo istituto che oramai è più simile ad un hedge fund che ad una banca di investimento o commerciale.

La perdita di fiducia, quando arriva, è dirompente ed impetuosa, non aspetta nessuno. I primi che tolgono i risparmi si salvano, gli altri rimangono con il cerino. Questo è l'attuale sistema bancario. Quando manca la fiducia il castello di carta crolla all'improvviso trascinando con sé migliaia di risparmiatori che non hanno capito per tempo il problema di depositare soldi in un istituto che sta soffrendo una gravissima crisi di fiducia.

La fiducia è fondamentale e quando viene meno non servono i pareri degli analisti delle banche d'investimento, i comunicati degli amministratori delegati ai dipendenti, i discorsi dei politici sulla solidità del sistema, ecc.

Quando manca la fiducia lo scenario è solo uno: il fallimento della banca.

Quando la banca è sistemica (come lo è Deutsche Bank), il rischio è che il fallimento si estenda in maniera impressionante ed imparagonabile rispetto al 2008!

Una cosa è certa: se la fiducia della più grande banca tedesca sarà completamente minata nelle prossime settimane, il governo tedesco dovrà intervenire. Questo sarà un dietrofront rispetto a quanto sino ad ora predicato (anche verso gli altri Stati Europei).

Se la Merkel non interverrà e la fiducia verso questa ormai ex grande banca continuerà ad assottigliarsi, sarà il momento di nuove e grandi turbolenze sui mercati, sull'economia reale e sui risparmi di tutti noi.

Siamo solo all'inizio del secondo tempo del film Deutsche Bank.

Se siete stati oculati diversificando i vostri risparmi (per esempio) in oro fisico, sottraendoli all'immenso rischio offerto dai depositi dei conti correnti bancari, prendete i pop corn e sedetevi per vedere da osservatori esterni questo spettacolo. Se non lo avete ancora fatto siete ancora a tempo (non si sa per quanto) per riuscire a togliervi da questa grande bisca monetaria e bancaria e non divenire così i protagonisti in negativo di questa seconda parte di film!

 

REFERENDUM

Analisti di settore affermano che tutto il sistema finanziario attende con preoccupazione la scadenza del prossimo referendum. Una instabilità politica provocherebbe di conseguenza, secondo certi analisti, una situazione di grande incertezza tra i vari investitori.

Partiamo da un dato certo: la Borsa ha perso dall'inizio dell'anno circa il 25% e l'andamento non accenna a miglioramenti.

Gli stessi analisi affermano che l'incognita referendum ed un eventuale bocciatura potrebbe allontanare gli investitori internazionali. Senza entrare nel merito politico, affermano che si tratterebbe di un brutto colpo per un sistema già al limite del collasso. Un calo dei titoli di Stato e della Borsa con gravi ripercussioni anche sotto un profilo industriale ed occupazionale.

Sempre, senza entrare nel merito politico, il "Sì" favorirebbe l'interesse verso il comparto azionario che tornerebbe positivo? Idem per i titoli di Stato? Il verdetto avrà pertanto un notevole effetto sui mercati finanziari?

Le dichiarazioni dell'ambasciatore americano John Philips sembrano però non dare scampo: «Una bocciatura sarebbe un passo indietro per gli investimenti stranieri in Italia». E da Citigroup: «Il maggiore rischio per il panorama politico europeo!».

Noi ci limitiamo solamente ad una valutazione oggettiva... indipendentemente dal risultato, come finiranno nel prossimo futuro i nostri risparmi, quelli in carta?

 

ORO FISICO

Dopo tante preoccupanti notizie, noi proponiamo, come sempre, concretezza. Una concretezza rafforzata da un senso etico e da assoluta trasparenza.

Risulta che l'oro fisico (monete e lingotti) protegge e rafforza il patrimonio, dando certezze di un solido potere d'acquisto, che rimarrà invariato nel tempo, con risultati che pochi (quali?) strumenti d'investimento possono dare.

Dall'inizio anno la Borsa ha perso oltre il 25%, l'oro fisico ha guadagnato un buon 20%, una strategia di diversificazione da tenere in considerazione.

Proprio in un'ottica di diversificazione e di allocazione strategica ben bilanciata, l'oro rimane ancora una componente importante per affrontare un contesto incerto e proteggere i risparmi.

Una considerazione: i volumi dei contratti cartacei sull'oro (ETF–ETC) superano di gran lunga le disponibilità auree nel mondo. Se si trasformassero gli strumenti finanziari nel bene sottostante (l'oro) le quotazioni salirebbero alle stelle, idem le azioni delle miniere aurifere.

Per essere più chiari, se i titolari di contratti cartacei richiedessero il loro oro in liquidazione, sarebbero scioccati nello scoprire che non c'è abbastanza oro fisico a garanzia. Le quotazioni dell'oro sono destinate a salire? Sicuramente sì. Gli analisti americani prevedono rialzi impensabili entro il 2020.

Con Confinvest un dialogo diretto ed immediato con la clientela che permette di comprendere le esigenze e le necessità. È il risultato di diverse componenti che hanno trovato anche sul web un utile ed efficace strumento.

Ma quanto oro fisico dobbiamo accantonare?

Dal 1983 noi proponiamo investimenti in oro fisico con una percentuale fino al 20% sul mobiliare posseduto.

Nel paniere confezionato da Ambrosetti SIM, l'oro fisico viene consigliato con una percentuale del 15% (a protezione di eventuali fiammate di avversione al rischio).

Le condizioni di mercato-investimenti sono da tempo cambiate; impossibile trovare strumenti che possano dare oggi risultati positivi senza rischi. Recentemente dal Tesoro italiano sono stati emessi dei Btp con scadenza a 50 anni, con un tasso netto al 2,85%. A Novembre il Tesoro italiano ha emesso Bot a sei mesi con rendimenti sotto lo zero. Ovvero pagare per investire.

L'indice MOM (medie-oro-monetato) da inizio anno ha guadagnato circa il 17%.

Pertanto esiste un solo strumento che possa soddisfare le esigenze di sicurezza senza problematiche: l'oro fisico. L'oro fisico rappresenta l'unica difesa nei periodi di crisi finanziarie a fronte di una diminuzione del potere d'acquisto della moneta-carta; è la maniera perfetta per conservare la propria ricchezza e per tutelare il patrimonio per le generazioni future.

(Confinvest F.L. - 11 ottobre 2016)

 

Lingotti oro
 

Quotazioni monete d'oro
del

Fonte: Confinvest domanda offerta
Sterlina (v.c.) € 250.61 € 290.25
Sterlina (n.c.) € 252.55 € 293.29
Sterlina (post 74) € 252.55 € 293.29
Marengo Italiano € 200.86 € 226.36
Marengo Svizzero € 197.74 € 225.68
Marengo Francese € 197.74 € 225.67
Marengo Belga € 197.74 € 224.64
Marengo Austriaco € 197.63 € 224.63
20 Marchi € 246.14 € 287.46
10 $ Liberty € 591.64 € 650.69
10 $ Indiano € 597.43 € 654.12
20 $ Liberty € 1102.17 € 1238.91
20 $ St. Gaudens € 1128.51 € 1265.78
4 Ducati Austria € 487.24 € 536.71
100 Corone Austria € 1067.57 € 1186.54
100 Pesos Cile € 642.59 € 714.89
Krugerrand € 1063.88 € 1212.81
50 Pesos Messico € 1216.44 € 1422.58

Per la vendita o l'acquisto delle tue monete d'oro clicca qui »

Perché le Sterline d'Oro sono la formula migliore per investire in oro fisico?

Info line: 02 80887481

Servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 18:30 e il sabato dalle 8:00 alle 13:00.

Leggi le nostre risposte alle domande più frequenti. Clicca qui »

PESO E DIMENSIONI DELLA STERLINA D'ORO

Peso e dimensioni della Sterlina d'Oro

Nome: Gold Sovereign
Paese: Gran Bretagna
Peso: 7,9881 g
Spessore: 1,52 mm
Diametro: 22,05 mm
Titolo: 22 kt (91,67%)
Peso in oro: 7,3224 g

La Sovrana d'Oro
Clicca qui per leggere una breve storia della Sterlina d'Oro »

Sei un investitore?
Per visualizzare una selezione delle più belle e diffuse monete d'oro da investimento clicca qui »

Sei un collezionista?
Per visualizzare la nostra vetrina di monete d'oro da collezione clicca qui »

Monete oro

Inizia a usare eBay! Crea ora il tuo account »Inizia a usare eBay

APPROFONDIMENTI

Intervista a Roberto Binetti07/12/2016
Intervista a Roberto Binetti

Leggo dal sito che Confinvest FL ha iniziato la propria attività nel lontano 1983, cosa l'ha spinta a fare impresa in questo mercato, diciamo molto particolare? R: Negli anni 80 la nostra lira era soggetta alle famose "svalutazioni competitive", se uno voleva mantenere il potere d'acquisto... leggi tutto »

Del doman non v'è certezza (a parte l'oro)27/11/2016
Del doman non v'è certezza (a parte l'oro)

L'incertezza è un concetto soggettivo e si riferisce ai casi in cui non si può associare una probabilità oggettiva a eventi futuri e dannosi. In quest'ultimo aspetto si differenzia dalla nozione di rischio, che è invece un evento dannoso futuro al quale è possibile associare una probabilità... leggi tutto »

Sfiducia, referendum e oro fisico11/10/2016
Sfiducia, referendum e oro fisico

In questo inizio ottobre 2016 stiamo assistendo all'ennesimo scricchiolio di una banca. Non si tratta delle nostre piccole realtà regionali/provinciali come sono state Banca Etruria, Veneto Banca, Banca delle Marche, per citarne solo alcune, ma si tratta della più grande banca d'investimento europea... leggi tutto »

Spera per il meglio ma... preparati al peggio15/09/2016
Spera per il meglio ma... preparati al peggio

«Noè quando ha costruito l'arca? Prima del diluvio, prima del diluvio!» (Spy Game, 2001). L'ortodossia economica contemporanea prevede, in base alle teorie dei cicli economici, che ad una fase di crisi ne segua sempre una di ripresa... leggi tutto »

Il biscotto avvelenato... ed il dolce d'oro21/07/2016
Il biscotto avvelenato... ed il dolce d'oro

Credit Crunch sembra una marca di cereali croccanti, di quelli che si mettono nel latte per una colazione sana. Si tratta, invece, di qualcosa di sgradevole e assai poco digeribile: con il termine credit crunch si indica solitamente un contesto di fallimenti bancari sistemici che inducono la banche ad attuare drastiche riduzioni del credito... leggi tutto »

Leggi tutti gli approfondimenti. Clicca qui »

Minibring floccato
 

Monete d'oro in asta  »   Sterline   |   Marenghi   |   Marchi   |   Dollari   |   Ducati   |   Corone   |   Pesos   |   Krugerrand   |   Lingotti

 
 
Wikioro | Informativa cookie | Mappa del sito
Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2016 pxl - web sites
 

w3c html5w3c css