Intervista a Roberto Binetti

a cura di Confinvest F.L.

Intervista a Roberto Binetti

D: Leggo dal sito che Confinvest FL ha iniziato la propria attività nel lontano 1983, cosa l'ha spinta a fare impresa in questo mercato, diciamo molto particolare?

R: Negli anni 80 la nostra lira era soggetta alle famose "svalutazioni competitive", se uno voleva mantenere il potere d'acquisto della liquidità doveva rivolgersi a questa particolare assett class.

In quel momento in Italia non esistevano realtà come la Confinvest e per questo abbiamo deciso di provare a creare un riferimento per i risparmiatori che avevano capito la differenza tra rendimento nominale e rendimento reale.

Da considerare che al tempo l'alternativa all'oro dai risparmiatori era vista nei BOT che rendevano a due cifre, ma con rendimento reale negativo. L'oro in ottica di preservazione del potere d'acquisto era perfetto. Il rendimento era reale e non nominale.

D: Nel 1982 l'oro era appena entrato in un lungo mercato ribassista durato fino al 2000. Cerchiamo di vedere insieme come è cambiata l'attività in questi 36 anni, 18 di mercato bear e 12 di mercato bull e 4 di pausa di quello che credo sia ancora un trend al rialzo.

R: Mercato ribassista in quale valuta? Lira o dollaro? Per l'investitore italiano che aveva le lire a mio avviso il mercato è sempre stato bull market con una grandissima pausa laterale dal 1982 al 2005. Logicamente con range molto ampio e volatile tra le 400.000 e le 650.000 lire.

Attenzione però, l'investitore italiano si proteggeva da tutte le politiche monetarie folli dei tempi, che sì facevano esportare di più le industrie del paese, ma che svilivano massivamente i risparmi. Chi voleva proteggere il risparmio doveva investire in oro...

Noi di Confinvest abbiamo sempre agito per questo: preservare il risparmio che in ultima istanza rappresenta le fondamenta della Società. Svilire la moneta significa svilire la società stessa.

Racconto un aneddoto del 1992, quando in una notte la lira, su spinta di short selling da parte di Soros con il suo Hedge Fund Quantum, si svalutò del 30% ed uscì dal cd. "serpentone monetario" del vecchio SME, provocò un taglio importante al potere d'acquisto... inflazione... Chi aveva investito in oro si vide nell'immediato molto più ricco in quanto l'inflazione ci mise qualche mese a manifestarsi sui prezzi della "Casalinga di Voghera" e dell'uomo di strada. L'investitore in oro nel giro di una notte si trovò più ricco del 30% rapportato in lire.

Tornando alla domanda, in questi anni l'attività si è evoluta.

Negli anni 80-90 i clienti erano spaventati dall'inflazione, o meglio avevano capito il giochino... il sistema monetario basato su moneta fiduciaria. Nonostante il bear market in dollari, l'oro, per l'italiano pieno di lire, rappresentava una bella sicurezza. Col passaggio all'euro c'è stata una modifica nell'atteggiamento degli investitori, chi investiva in oro era spaventato dagli eventi geo-politici, spaventato di tenere i soldi in banche potenzialmente soggette a fallimenti. Oggi con il bail-in tutti devono sapere che la liquidità vera e non oggetto di bail-in è quella che si ha in oro oppure nel materasso...

D: Quali sono state le sfide e i momenti più difficili in tutti questi anni?

R: Innanzitutto l'IVA sull'oro degli anni 80 su incipit di un folle legislatore. È stata tolta solo in seguito alla direttiva Europea all'inizio dell'anno 2000 (Legge 7/2000).

In seguito il bear market del 2012-2013 con manipolazione dei prezzi. Qui vale la pena specificare che, ancora una volta, per i risparmiatori in euro non è stato lo stesso crollo rispetto ai risparmiatori in dollari. Da cambio EUR/USD a 1,50 si è passati quasi alla parità.

Questo vuol dire che un prezzo dell'oro da 1.700 dollari con cambio 1.4 euro per investitore europeo sono ca 1.200 euro. Oggi con cambio EUR/USD vicino alla parità, per la precisione vicino a 1.05, il prezzo dell'oro in dollari a 1.200 significa 1.150 euro...

Semplice intuire come sia importantissimo per il risparmiatore/investitore capire il sistema monetario e le guerre valutarie. La propaganda per sbattere i prezzi all'inferno è sempre dietro l'angolo. Ma chiediamo ai risparmiatori inglesi che effetto ha avuto la svalutazione della sterlina sui loro asset in oro...

Le difficoltà nascono nel momento in cui l'educazione finanziaria è quasi zero... gli investitori educati investono in oro, il buon padre di famiglia investe in oro. Chi ha capito il sistema investe in oro... gli altri giocano al casinò facendo atto di fede sulla continua stampa da parte delle banche centrali che sostengono i corsi (per non dire creano bolle giganti) di tutti gli asset, bond e azioni in primis.

D: Confinvest è oggi una delle società italiane più importanti sul mercato dell'oro. Possiamo dire che la sua sia stata una attività di successo, quale fattore o qualità personale lei pensa abbia contribuito maggiormente a questo successo?

R: Confinvest è diventata il riferimento per il mercato dell'oro fisico in Italia per i privati e non solo. Questo posizionamento è dovuto ad una profonda conoscenza del mercato italiano ed al fatto di avere sempre interloquito con i risparmiatori in maniera chiara e trasparente. In particolare, ci siamo sempre prodigati per offrire ogni giorno delle quotazioni trasparenti in maniera da poter dare al mercato un riferimento.

Il fattore predominante è essere sempre stato il riferimento nazionale in qualsiasi momento storico, politico, economico e monetario. Cioè siamo sempre stati presenti in ogni momento di mercato offrendo liquidità allo stesso. In altre parole, se un risparmiatore voleva e vuole acquistare oro fisico, noi lo avevamo e lo abbiamo subito in giornata pronto per la consegna. Qualora ci sia stata la necessità di venderlo noi eravamo e siamo la controparte che riesce a fare l'operazione in giornata, immediatamente. Questo è il grande pregio di essere un gold dealer, ma che richiede anni di esperienza e capacità di gestione dei volumi. Ad oggi, la nostra struttura nell'oro da investimento (lingotti o monete) non ha pari in Italia. Non siamo il banco metalli... noi siamo la controparte per i risparmiatori e gli investitori. Quello è il nostro target e noi siamo la loro controparte naturale.

Per spiegare meglio faccio riferimento alla nostra mission.

Ci contraddistinguiamo nel panorama italiano per esserci sempre posti... dalla parte dell'investitore. La nostra MISSION è aiutare le persone a preservare e proteggere i risparmi dalle dinamiche dell'attuale sistema finanziario e monetario tramite l'investimento in oro fisico.

Crediamo nel rispetto e nella sacralità del risparmio perché il risparmio è lavoro, idee, talento, fatica. Guidiamo il nostro interlocutore nell'investimento in oro fisico desiderando la sua educazione affinché si possa investire consapevolmente.

Noi pensiamo che il capitale ed il risparmio dei nostri clienti rappresentino il lavoro di una vita ed abbiamo il massimo rispetto per la sua insostituibilità.

Il nostro impegno alla preservazione del risparmio dei nostri clienti non è una promessa vuota, è il nostro obiettivo primario.

Nell'attuale realtà degli investimenti emergono tantissimi prodotti e strumenti che fanno beneficiare la banca, il bancario o il gestore, raramente fanno beneficiare l'investitore. Questo approccio a noi non interessa.

Noi sappiamo che la più grande minaccia per i capitali, per i propri risparmi, è la non conoscenza, la mancanza di educazione in un approccio di investimento.

Noi non siamo bullish o bearish, ma realisti, interessati unicamente a ciò che è vero da quello che non è vero, cercando di farlo nel miglior modo possibile.

Noi non siamo nel business per far fare ai nostri clienti semplicemente un'esperienza di acquisto. Serviamo i nostri clienti per tutta la durata del loro investimento, vogliamo l'educazione e la consapevolezza di quello che fanno i nostri clienti, ci piacerebbe far loro capire il mercato dell'oro ed il sistema monetario in cui stanno operando e vivendo.

Noi primariamente vogliamo porci come educatori per il nostro business, la nostra remunerazione è solo un secondo obiettivo, ma è la logica conseguenza!

L'industria finanziaria e del cd. risparmio oggi sembra aver dimenticato alcuni principi basilari che noi vogliamo mantenere.

D: Quale suo punto di debolezza l'ha portata a compiere in passato degli errori e cosa ha imparato da questi errori?

R: Partendo dagli ultimi errori, se così li possiamo chiamare, possiamo dire che non abbiamo dato il giusto peso all'evoluzione tecnologica grazie alla quale anche un business old style come il nostro poteva avere grandi benefici. Consideri che abbiamo introdotto come canale di vendita l'e-commerce solo alla fine del 2013. Un po' di tempo lo abbiamo perso.

Sicuramente da questa mancanza abbiamo potuto maturare moltissima consapevolezza dell'uso della tecnologia, per la vendita, per la comunicazione e per l'offerta di nuovi servizi. Questo settore per i non addetti sembra molto statico, ma credetemi, grazie alla tecnologia si potrebbero inserire ed avviare servizi innovativi per aiutare i risparmiatori a preservare in maniera molto innovativa il loro risparmio grazie alla moneta più vecchia del mondo: l'oro. Qui mi fermo per non svelare ai competitor quanto ci appresteremo a fare nel futuro...

D: L'oro non è moneta legale perché la legge dichiara che lo sono solo gli euro, i dollari etc. Tuttavia rimane ancora un importante asset per le banche centrali. A mio avviso è ancora la vera forma di moneta ultima in quanto asset e non invece mera passività delle banche centrali. Qual è la percezione che hanno gli acquirenti, e invece qual è il profilo tipico di chi vende?

R: Una premessa è dovuta. L'oro è denaro, è il denaro dei re e degli imperatori. È stato da sempre il denaro-merce nato spontaneo dal mercato. Oggi come ieri abbiamo evidenza di questo: chi compra oro è l'individuo alla ricerca di una alternativa alla liquidità detenuta sui conti correnti o in debiti degli stati (i BOT e i BTP). Una alternativa al cash FIAT. Non soggetto a svalutazioni/inflazioni/fallimenti degli stati e del sistema bancario.

Gli acquirenti possiamo astrattamente dividerli in tre categorie.

La categoria degli investitori consapevoli: quelli che hanno capito il sistema monetario e vogliono proteggere il risparmio sudato di una vita dalle politiche inflazionistiche delle banche centrali, oltre a sottrarre il risparmio al sistema bancario sempre più scricchiolante. Questi sono pochi, anche perché manca una vera cultura finanziaria ed economica che spieghi cosa è il denaro. Come funziona il meccanismo di creazione di moneta dal nulla ed i rischi sottostanti a questo sistema monetario.

La categoria degli investitori risk free: costruttivamente sospettosi, come può esserlo il buon padre di famiglia, verso il sistema bancario e finanziario. Comperano oro fisico perché sentono che il sistema non funziona e vogliono preservare il risparmio per la famiglia. Non hanno capito bene il perché, ma sanno che l'oro non si svaluta come la carta e non è soggetto ai fallimenti. Questo lo hanno capito, ma devono ancora fare mente locale su molte idee...

La categoria degli investitori che risentono del momentum: sono principalmente piccoli risparmiatori che risentono di eventuali sussulti delle congiunture socio/economiche/politiche. Sono coloro che non hanno ben chiaro che cosa sia investire in oro e della differenza di avere carta FIAT oppure moneta sonante. Questi investono quando il mondo sembra crollare, quando qualche shock endogeno ed esogeno al sistema in cui vivono emerge dirompente. Diciamo che sono molto più compulsivi che razionali.

D: Come vede oggi il mercato, quali prospettive per il futuro in termini sia di prezzo sia di ruolo istituzionale dell'oro in un futuro sistema monetario, nel caso quello corrente dovesse collassare sotto il peso degli enormi debiti e distorsioni che ha contribuito a creare?

R: Il mercato oggi è più reattivo rispetto agli ultimi 2 anni, i volumi stanno tornando e l'interesse nell'oro per gli investitori consapevoli sta rimontando. In particolare, dopo tutte queste sbornie di liquidità e di politiche monetarie non convenzionali, al limite della follia monetaria, cosa possiamo aspettarci?

Nel caso in cui l'attuale sistema monetario collassasse sul peso dei trilioni di carta creata, la soluzione sarebbe ripartire da un sistema non soggetto a doping monetario. Negli ultimi 45 anni post Nixon, il livello del debito globale è esploso, questo è stato permesso dal sistema monetario in cui viviamo che mette il carro davanti ai buoi per poter posticipare problemi che stanno assumendo proporzioni sempre più grandi.

Il debito oggi è necessario per continuare a procrastinare problemi sempre più grossi, per tamponare crisi si usa la causa delle stesse, è agghiacciante come solo poche mosche bianche si siano accorte di questo. Queste mosche bianche comprano oro perché sono consapevoli che così facendo si sottraggono a questo grande esperimento monetario.

L'oro è stato la base istituzionale di un sistema monetario sano ed incorruttibile. Abbiamo avuto le grandi rivoluzioni industriali con sistemi monetari basati sull'oro. Non è di certo un limite alla crescita economica, è un deterrente, una barriera, all'intromissioni dei poteri politici nella vita economica. Chi fa crescere l'economia di un Paese? Gli imprenditori con le loro idee o i politici con la loro spesa pubblica? Io sono per la prima, gli imprenditori mettono in gioco se stessi, sono naturalmente portati alla crescita sana e sostenibile, pena il fallimento!

(Confinvest F.L. - 07 dicembre 2016)

 

Lingotti oro
 

Quotazioni monete d'oro
del

Fonte: Confinvest domanda offerta
Sterlina (v.c.) € 250.44 € 282.14
Sterlina (n.c.) € 252.75 € 285.09
Sterlina (post 74) € 252.75 € 285.09
Marengo Italiano € 205.41 € 225.69
Marengo Svizzero € 203.17 € 224.37
Marengo Francese € 203.14 € 224.26
Marengo Belga € 203.14 € 224.26
Marengo Austriaco € 203.14 € 224.26
20 Marchi € 250.64 € 286.75
10 $ Liberty € 589.97 € 636.34
10 $ Indiano € 593.45 € 646.72
20 $ Liberty € 1100.17 € 1246.84
20 $ St. Gaudens € 1126.05 € 1262.34
4 Ducati Austria € 488.34 € 528.39
100 Corone Austria € 1048.06 € 1195.29
100 Pesos Cile € 642.68 € 711.16
Krugerrand € 1072.57 € 1220.56
50 Pesos Messico € 1265.83 € 1468.86

Per la vendita o l'acquisto delle tue monete d'oro clicca qui »

Perché le Sterline d'Oro sono la formula migliore per investire in oro fisico?

Info line: 02 80887481

Servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 18:30 e il sabato dalle 8:00 alle 13:00.

Leggi le nostre risposte alle domande più frequenti. Clicca qui »

PESO E DIMENSIONI DELLA STERLINA D'ORO

Peso e dimensioni della Sterlina d'Oro

Nome: Gold Sovereign
Paese: Gran Bretagna
Peso: 7,9881 g
Spessore: 1,52 mm
Diametro: 22,05 mm
Titolo: 22 kt (91,67%)
Peso in oro: 7,3224 g

La Sovrana d'Oro
Clicca qui per leggere una breve storia della Sterlina d'Oro »

Sei un investitore?
Per visualizzare una selezione delle più belle e diffuse monete d'oro da investimento clicca qui »

Monete oro

Inizia a usare eBay! Crea ora il tuo account »Inizia a usare eBay

APPROFONDIMENTI

Salviamo il nostro potere d'acquisto21/06/2017
Salviamo il nostro potere d'acquisto

In questo primo semestre 2017 stiamo assistendo ad un ritorno dell'inflazione a livello globale. Sia negli USA che in Europa che in UK post Brexit, i dati fanno emergere ormai un trend invertito per quanto riguarda questo indicatore della perdita di potere d'acquisto del denaro... leggi tutto »

Patrimoni: i vostri soldi23/04/2017
Patrimoni: i vostri soldi

L'Amministratore di Confinvest FL, Roberto Binetti, è stato invitato alla trasmissione televisiva "Patrimoni: i vostri soldi" di ClassTV CNBC (canale 507 Sky), condotta da Carla Signorile, capo redattore... leggi tutto »

Che futuro avremo? Come difenderci?15/03/2017
Che futuro avremo? Come difenderci?

A gennaio l'Eurozona ha registrato un balzo dell'inflazione all'1,8%, il dato più alto dal febbraio 2013, in netto rialzo rispetto all'1,1% di dicembre e superiore anche alle aspettative che si collocavano all'1,6%. Con questi numeri diventa a rischio la manovra di espansione monetaria della Banca Centrale Europea (quantitative easing), che dal 2011 ha dato un po' di ossigeno all'economia... leggi tutto »

Historia magistra vitae06/03/2017
Historia magistra vitae

Se la prestigiosa Assiom Forex, Associazione Operatori dei Mercati Finanziari, ha deciso di dedicare il supplemento di gennaio 2017 della sua rivista ad una monografia sull'oro ("Guida all'investimento in oro: dal fisico al finanziario") qualche ragione c'è... leggi tutto »

Nulla è più facile che illudersi15/02/2017
Nulla è più facile che illudersi

«Nulla è più facile che illudersi. Perché l'uomo crede vero ciò che desidera» (Demostene). La principale causa di instabilità del sistema economico contemporaneo si annida nello squilibrio tra il Prodotto Interno Lordo (PIL), che fotografa in qualche modo l'economia reale, e l'ammontare delle attività finanziarie, che rappresentano invece, in larga parte, una scommessa sul futuro... leggi tutto »

Leggi tutti gli approfondimenti. Clicca qui »

Minibring floccato
 

Monete d'oro in asta  »   Sterline   |   Marenghi   |   Marchi   |   Dollari   |   Ducati   |   Corone   |   Pesos   |   Krugerrand   |   Lingotti

 
 
Wikioro | Informativa cookie | Mappa del sito
Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2016 pxl - web sites
 

w3c html5w3c css