Il biscotto avvelenato... ed il dolce d'oro

a cura di Confinvest F.L.

Il biscotto avvelenato... ed il dolce d'oro

Credit Crunch sembra una marca di cereali croccanti, di quelli che si mettono nel latte per una colazione sana. Si tratta, invece, di qualcosa di sgradevole e assai poco digeribile: con il termine credit crunch si indica solitamente un contesto di fallimenti bancari sistemici che inducono la banche ad attuare drastiche riduzioni del credito.

Il recente referendum britannico che ha sancito l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea (Brexit) aumenta le probabilità di un credit crunch continentale? Di per sé, non sembra. L'Inghilterra mostra di avere chiara l'idea del proprio interesse nazionale ed, in ogni caso, la scelta sarà vantaggiosa per la City di Londra, la Wall Street inglese, il regno degli speculatori internazionali, che guida le scelte inglesi.

Confusi, incerti, manipolati appaiono invece gli altri governi europei: dalle contraddizioni della Germania, all'ingovernabilità della Spagna, fino al manifesto autolesionismo dell'Italia.

Ai proclami altisonanti dei leader europei corrispondono quotazioni sempre più depresse e dati allarmanti: l'ultimo annuncio, quello che ha seguito la Brexit, garantisce liquidità per 150 miliardi al sistema bancario. Il sistema non soffre tuttavia di carenza di liquidità, di cui è anzi letteralmente inondato, quanto di un problema di solvibilità, ossia di insolvenza dei debitori. Che di liquidità ce ne sia sin troppa e il problema sia invece il clima di sfiducia lo testimonia il fatto che le banche tendono ormai a "mettere i soldi nel materasso", notizia ora ripresa anche dal Corriere della Sera del 9 giugno 2016 ("Commerzbank, se la banca mette i soldi nel materasso").

E la politica italiana come risponde? Incapace e rapace, volteggia sui risparmi del paese e per i salvataggi bancari colpisce sempre lì:

  • prima con il bail-in;
  • poi con i risparmi postali messi a garanzia di banche decotte;
  • infine con l'idea (per ora solo ipotizzata dal sito www.zerohedge.com il primo luglio) di mettere anche i fondi pensione a garanzia delle stesse banche decotte… sì, proprio i fondi pensione, quelli sbandierati ai quattro venti come baluardo di una vecchiaia dignitosa.

Non si vede, al contrario, alcun impegno né idea nell'elaborazione di una politica industriale, questa sì capace di dare contenuto reale e valore a crediti troppo generosamente concessi nell'orgia incestuosa della deregulation bancaria.

Il credit crunch non è un biscotto buono da mangiare: a finire divorato sarà invece il risparmio degli italiani.

Che fare allora? Rivolgersi al "dolce" di Confinvest, ovvero una garanzia assoluta per i risparmi, per gli investimenti e per una pensione sicura.

Che futuro vivremo? Il disagio che sta interessando tutto il sistema bancario non è solo un problema italiano. L'indice del comparto banche è sceso in maniera violento e si sta ripetendo la crisi del 2011, risultando che il problema delle sofferenze bancarie non è solo italiano, ma proprio continentale.

La crisi delle nostre banche generata dalla Brexit? Assolutamente no. Le problematiche erano ben note prima del referendum britannico. Forse per giustificare i disastri bancari, volutamente si è cercato di dare responsabilità alla Brexit. Le Banche sono tutte insolventi? Sicuramente Draghi ci ha messo una pezza, ma quanto potrà ancora stampare, con la consapevolezza che tutto il nuovo denaro finirà ancora nella finanza e non certo nell'economia? Una lenta agonia dell'euro? Vi invitiamo a riflettere.

Il sistema bancario italiano ha dovuto fare i conti della forte crescita delle rettifiche su crediti. Tra il 2011 ed il 2014 ha accumulato perdite oltre i 50 miliardi di euro. Gli investitori sono spaventati dalla mole dei crediti deteriorati, ovvero 80 miliardi di sofferenze nette. La ricerca affannosa di rendimenti, in uno scenario a tasso zero, sta spingendo a prendere più rischi del dovuto. Chi vede entro pochi anni il risanamento degli istituti bancari europei? Tutti i sistemi bancari europei hanno molte fragilità.

Chi vede un'Europa migliore tra 5 o 10 anni e fuori dalla crisi? Chi intravede uno sviluppo industriale, un aumento dei consumi ed una diminuzione della disoccupazione? Veramente possiamo definire "stupidi" gli inglesi che hanno deciso di uscire dalla UE?

Gli investitori ormai insicuri e sfiduciati, che hanno colto l'incapacità e le insicurezze dell'UE, hanno risposto falcidiando i titoli bancari, rivolgendosi a strumenti più sicuri. Ovvero all'oro fisico (monete e lingotti). L'oro è ormai da tempo l'unica moneta sicura.

Dall'inizio l'indice MOM (gestito da Confinvest) ha superato il 17%; sapete quanto ha perso l'indice borsistico dall'inizio anno? L'oro dall'inizio anno è salito oltre il 30% e non si prevedono ribassi.

L'oro sale sui mercati internazionali e le banche centrali, con operazioni avvolte dal mistero, lo commerciano, prestandolo ed ottenendo notevoli rendimenti. Lo scorso anno hanno acquistato quasi 500 tonnellate per le riserve, dimostrando che considerano solo l'oro fisico una garanzia a questo gigantesco e globale "monopoli".

Noi continuiamo a ripeterci: nei propri asset almeno un buon 15% di oro fisico. Come fare? Contattarci per ottenere certezze e garanzie, chiedere un prospetto d'investimento, magari un piano di accumulo, non vincolante, anche in vista delle delusioni pensionistiche canoniche. L' iniziativa "busta arancione" ha creato allarmismo tra i futuri pensionati che hanno preso coscienza che la pensione prospettata sarà più bassa del livello di reddito in età lavorativa.

Con il passaggio al metodo contributivo si potrà ottenere (a parità di potere d'acquisto?) una rendita media del 70/80% per i lavoratori dipendenti ed il 60/70% per i lavoratori autonomi. In molti casi non sarà sufficiente a mantenere il tenore di vita raggiunto.

Una previdenza complementare?

Oggi la sfiducia è diventata globale; una crisi partita in un angolo della finanza (subprime americani) è riuscita, balzando da un mercato all'altro, a mettere in ginocchio la quasi totalità dell'economia globale. Rileggere quanto è successo nel 1929.

"Lunga vita al bene rifugio d'eccellenza!"… Permetteteci di parafrasare lo storico motto britannico dopo l'evento storico della Brexit. Il fatto ci deve portare alla realtà e ci deve far riflettere sul come investire i risparmi e salvare il potere d'acquisto che si frantuma proprio per le incertezze e turbolenze finanziare di una Europa (Commissione) poco rassicurante.

Che fare? Informarsi è il miglior modo d'investire. Noi siamo un punto di riferimento dal 1983 per tutte le famiglie che desiderano orientare le proprie scelte con la certezza di mettere al sicuro il futuro degli investimenti. Un aggiornamento costante a favore dei risparmiatori.

Come italiani siamo uno dei popoli con la maggiore propensione al risparmio. Il risparmio è una ricchezza del Paese, peccato che al momento d'investire si confondano le idee e tanto patrimonio accumulato venga in maniera inadeguata ed improduttiva gestito. Si parla ora di "educatori finanziari" per migliorare le dinamiche familiari. Sono davvero necessari?

Noi dal 1983 proponiamo investimenti in oro suggerendo di costruire un portafoglio ben diversificato. Pianifichiamo l'orizzonte temporale della teorica durata, senza mai dimenticare le modalità di trasmissione dei patrimoni, ovvero le successioni. Quindi una consulenza specifica e personalizzata. Gli strumenti e le professionalità per aiutare i lavoratori attuali a gestire il proprio futuro previdenziale già esistono.

Tra questi strumenti proprio la "Pensione d'oro", una nostra iniziativa che sta riscuotendo un grande successo. Un forma integrativa necessaria ed unica per una buona e serena vecchiaia: nessun impegno, nessun vincolo e tutte le consulenze assolutamente gratuite, forme d'investimento in oro fisico senza IVA e senza commissioni.

Basta "biscotti avvelenati"!

(Confinvest F.L. - 21 luglio 2015)

 

Gioielli sterline oro
 

Quotazioni monete d'oro
del

Fonte: Confinvest domanda offerta
Sterlina (v.c.) € 250.44 € 282.14
Sterlina (n.c.) € 252.75 € 285.09
Sterlina (post 74) € 252.75 € 285.09
Marengo Italiano € 205.41 € 225.69
Marengo Svizzero € 203.17 € 224.37
Marengo Francese € 203.14 € 224.26
Marengo Belga € 203.14 € 224.26
Marengo Austriaco € 203.14 € 224.26
20 Marchi € 250.64 € 286.75
10 $ Liberty € 589.97 € 636.34
10 $ Indiano € 593.45 € 646.72
20 $ Liberty € 1100.17 € 1246.84
20 $ St. Gaudens € 1126.05 € 1262.34
4 Ducati Austria € 488.34 € 528.39
100 Corone Austria € 1048.06 € 1195.29
100 Pesos Cile € 642.68 € 711.16
Krugerrand € 1072.57 € 1220.56
50 Pesos Messico € 1265.83 € 1468.86

Per la vendita o l'acquisto delle tue monete d'oro clicca qui »

Perché le Sterline d'Oro sono la formula migliore per investire in oro fisico?

Info line: 02 80887481

Servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 18:30 e il sabato dalle 8:00 alle 13:00.

Leggi le nostre risposte alle domande più frequenti. Clicca qui »

PESO E DIMENSIONI DELLA STERLINA D'ORO

Peso e dimensioni della Sterlina d'Oro

Nome: Gold Sovereign
Paese: Gran Bretagna
Peso: 7,9881 g
Spessore: 1,52 mm
Diametro: 22,05 mm
Titolo: 22 kt (91,67%)
Peso in oro: 7,3224 g

La Sovrana d'Oro
Clicca qui per leggere una breve storia della Sterlina d'Oro »

Sei un investitore?
Per visualizzare una selezione delle più belle e diffuse monete d'oro da investimento clicca qui »

Monete oro

Inizia a usare eBay! Crea ora il tuo account »Inizia a usare eBay

APPROFONDIMENTI

Salviamo il nostro potere d'acquisto21/06/2017
Salviamo il nostro potere d'acquisto

In questo primo semestre 2017 stiamo assistendo ad un ritorno dell'inflazione a livello globale. Sia negli USA che in Europa che in UK post Brexit, i dati fanno emergere ormai un trend invertito per quanto riguarda questo indicatore della perdita di potere d'acquisto del denaro... leggi tutto »

Patrimoni: i vostri soldi23/04/2017
Patrimoni: i vostri soldi

L'Amministratore di Confinvest FL, Roberto Binetti, è stato invitato alla trasmissione televisiva "Patrimoni: i vostri soldi" di ClassTV CNBC (canale 507 Sky), condotta da Carla Signorile, capo redattore... leggi tutto »

Che futuro avremo? Come difenderci?15/03/2017
Che futuro avremo? Come difenderci?

A gennaio l'Eurozona ha registrato un balzo dell'inflazione all'1,8%, il dato più alto dal febbraio 2013, in netto rialzo rispetto all'1,1% di dicembre e superiore anche alle aspettative che si collocavano all'1,6%. Con questi numeri diventa a rischio la manovra di espansione monetaria della Banca Centrale Europea (quantitative easing), che dal 2011 ha dato un po' di ossigeno all'economia... leggi tutto »

Historia magistra vitae06/03/2017
Historia magistra vitae

Se la prestigiosa Assiom Forex, Associazione Operatori dei Mercati Finanziari, ha deciso di dedicare il supplemento di gennaio 2017 della sua rivista ad una monografia sull'oro ("Guida all'investimento in oro: dal fisico al finanziario") qualche ragione c'è... leggi tutto »

Nulla è più facile che illudersi15/02/2017
Nulla è più facile che illudersi

«Nulla è più facile che illudersi. Perché l'uomo crede vero ciò che desidera» (Demostene). La principale causa di instabilità del sistema economico contemporaneo si annida nello squilibrio tra il Prodotto Interno Lordo (PIL), che fotografa in qualche modo l'economia reale, e l'ammontare delle attività finanziarie, che rappresentano invece, in larga parte, una scommessa sul futuro... leggi tutto »

Leggi tutti gli approfondimenti. Clicca qui »

Arte giapponese
 

Monete d'oro in asta  »   Sterline   |   Marenghi   |   Marchi   |   Dollari   |   Ducati   |   Corone   |   Pesos   |   Krugerrand   |   Lingotti

 
 
Wikioro | Informativa cookie | Mappa del sito
Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2016 pxl - web sites
 

w3c html5w3c css